Approvato Bonus Assunzioni Giovani 2018

Buone notizie per l'occupazione giovanile, da ieri è stato  approvato  dal Consiglio dei Ministri il testo della Legge di bilancio 2018 da oltre 20 miliardi di euro. Tra le diverse nuove come lo stop al rincaro dell’iva e al blocco dei tributi e addizionali locali, troviamo gli incentivi dedicati all’occupazione per i giovani, ovvero agevolazioni fiscali  per i datori di lavoro. Riportiamo quello che ha dichiarato qualche giorno fa , Giuliano Poletti, Ministro del lavoro e delle politiche sociali si potranno realizzare oltre 300mila opportunità di impiego. 



Adesso vediamo insieme in che cosa consistono è come vengono utilizzati



INCENTIVO PER ASSUNZIONI GIOVANI 2018
Grazie a questo bonus i datori di lavoro che assumeranno giovani under 35 nel 2018 potranno godere di uno sconto pari al meta dei previsti normalmente, per i primi 3 anni di lavoro. Questa agevolazione potrà essere richiesta anche da coloro che saranno stati assunti nel mese di novembre o dicembre 2017 con contratti a tempo indeterminato, ma anche valida per coloro che vorranno trasformare contratti da apprendistato con contratti stabili.
Attenzione massima è stata rivolte alle regioni meridionali dove le agevolazioni potrebbero arrivare al totale abbattimento dei contributi previsti normalmente.

Riportiamo qui il testo emesso dal Governo come comunicato stampa:
- I datori di lavoro del settore privato che assumono giovani con contratti a tutele crescenti beneficeranno di uno sconto triennale sui contributi previdenziali pari al 50% (esclusi i lavoratori domestici). L’esonero spetta anche per le assunzioni avvenute nei mesi di novembre e dicembre 2017, ferma restando la decorrenza dal primo gennaio 2018.
Lo sconto contributivo si applica anche nei casi di prosecuzione di un contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato, qualunque sia l’età anagrafica al momento della prosecuzione e quando un datore di lavoro assume, entro sei mesi dal conseguimento del titolo di studio, studenti che abbiano svolto percorsi di alternanza scuola-lavoro o di apprendistato per il conseguimento del titolo di studio.-

Inoltre riportiamo alcune precisazioni che il bonus sara attivo solo sull’aliquote dovute dal datore di lavoro, con un tetto massimo di annuo di 8.060 euro. In più a garanzia dei lavoratori e il bonus fungerà anche come clausola antilicenziamento, e quindi obbligherà in occupazione il lavoratore assunto con il godimento del bonus per il periodo minimo pena restituzione degli sgravi contributivi.